Articolo

Ho capito che non sono fatta per la mediocrità. Ho capito che chi ha il coraggio di starmi al passo nonostante il mio carattere difficile lo fa senza scuse.
Ho capito che mi accontento solo del massimo, che lotto solo per raggiungere la vetta. Senza arrendersi. Non importa i sacrifici che dovrò fare.


Pensieri sul cuscino

Altra notte solitaria,altra tristezza.
Potrei anche abituarmici.
Fuori fa freddo,ma non tremo;
continuo a tenere la finestra aperta.
Sono meditabonda.
Ferita a bordo del mio corpo.
Pensieri sul cuscino.
“C’è qualcuno a cui interessa veramente di me?”
Solo l’eco del vento come risposta


O.D.S. Ora mi Devo Sfogare

Da quando mi sono lasciata è cambiato tutto, quasi fossi stata teletrasportata in un’altra vita..dopo il periodo iniziale di confusione mi sono trasformata; una nuova parte di me ha preso il controllo di tutto. Quella che pensa al successo,al suo futuro, quella che si ripete “non ho bisogno di nessuno”… è vero non ho bisogno di nessuno, ma questo dal punto di vista logico.. 

invece la parte di me emotiva sta male.. mi sento un guscio vuoto capisci? E se da un lato sono diventata molto molto più sicura di me, dall’altro ho cosa ho ottenuto? Crisi di solitudine sempre più frequenti… 
Ci sono volte in cui riesco a distrarmi e a evitare che questa parte di me (quella delle crisi) prenda il controllo.. altre invece non ci riesco… 

e non avere nessuno vicino non fa altro che ampliare questa cosa.

Si perché nella vita tutti ti stanno accanto ma nessuno ti sta vicino…

E quindi cosa faccio? Quando sento che questa parte di me sta per prendere il controllo, mi tengo occupata con qualsiasi cosa trovo… Ecco,sento che mai nessuno mi starà vicino a causa di questo mio carattere…

Di giorno le redini le tiene la parte strafottente e sicura di se, quella che “non ha bisogno di nessuno”…. ma di notte capita che venga spodestata dall’altra me….

Ed é un momento che odio ma che sta diventando sempre più frequente…


//aiuto

Sono rimasta sola. Quelli che credevo miei “amici” si sono rivelati essere solo dei falsi. Persone che stanno in tua compagnia fino a quando gli torna comodo,per poi sparire al primo inghippo anziché tentare di risolvere. A volte scrivo a qualcuno,tanto per fare due chiacchiere, ma se non cerco io difficilmente vengo cercata. Della serie:sblocco il telefono e apro WhatsApp solo per confermare il fatto che sono da sola.
Sono rimasta da sola. Mi sto preparando seriamente ai test universitari per la facoltà di informatica applicata. Per non perdere la motivazione tengo un quaderno dove giornalmente annoto tutti i miei piccoli progressi. Lo ho chiamato “il quaderno del successo”. Annoto tutto con una precisione stratosferica. Quasi fossi un computer.
Ho ucciso la me di prima,per far prendere il controllo alla parte stronza,diffidente e taciturna. Sono ancora dolce e capace di ascoltare,certo. Però lo sono solo con chi merita. Non mi faccio più problemi a mandare affanculo le persone. Se vuoi rimanere rimani,sennò sarò la primaa spingerti via. Facciano un pò tutti come cazzo vogliono. Non so parlare con le persone. Motivo per cui ho scelto informatica è perchè appunto non dovrò stare a contatto con le persone.
Da sola sto imparando a programmare,o almeno ci provo. Poco alla volta sto imparando come costruire pagine Web.
Sono sola e la sera a volte capita (ormai sempre più spesso) che io abbia delle specie di crisi. Cerco di curarle con la musica,o guardandi un film o facendo altri esercizi dagli Alphatest,ma niente. Non riesco più a gestirle.
Ho aperto un account Tumblr e lo uso per quando ho queste crisi: chiedo compagnia e a volte qualcuno risponde. Ieri sera al mio appello hanno risposto in 6.
A un certo punto della mia crisi ho pure pensato di farmi di morfina (come Elliott di Mr Robot),ma ho rinunciato subito all’idea.
Forse sto impazzendo. Forse all’Università mi farò degli amici come si deve. Lo spero.
Per il momento rimane una domanda: perchè sono l’unica a dover rimanere sola?

//chiarezza

Ciao!!
So che ne abbiamo già parlato e che sopratutto detesti parlare di queste cose tramite messaggio.. ma lo faccio solo per chiarezza, dopodiché sparirò dalla tua vita 😊
Credo che questo sentimento che ho nei tuoi confronti sia arrivato al capolinea..destinato a annichilire e svanire, e un po’ mi dispiace perché Avrei voluto viverlo.
É stato comunque bellissimo… complicato ma bellissimo… e ti ricorderò sempre come il primo ragazzo con cui abbia fatto davvero l’amore.
Nonostante in quel periodo ero a pezzi, nel momento in cui i nostri corpi si erano fusi mi sono sentita davvero completa. Non sono mai stata così spontanea in tutta la mia vita. Ed era così bello quando ci guardavamo negli occhi che avrei voluto durasse di più.❤️❤️
Avrei voluto metterci di meno a capire che ero cotta di te,di quel senso di protezione che riesci a darmi, di quando sto male e la tua voce riesce sempre a calmarmi… forse é per questo che ogni volta che mi sento giù mi viene voglia di sentirti?
E anche se,lo ammetto, posso essere seccante e fastidiosa… so riconoscere quando é tempo di arrendersi e lasciare andare… ed é arrivato questo momento.
Poi come dici te: ci si può sentire ogni tanto e magari uscire come amici ☺️ niente da obiettare!
E niente,ti lascio questo messaggio, e se vorrai cercarmi sai dove sono 😊
Non capire male: non ti ho scritto questa tiritera per elemosinare affetto o altro.. semplicemente volevo dire qualche parolina di fine, come l’ultimo capitolo di un libro ☺️

Fine della conversazione in chat

Digita un messaggio…

sorry

//sfogo

Tre settimane fa (o forse anche di più), ho lasciato il mio ragazzo.
Sono uscita da una storia d’amore a senso unico,dove lui mi usava solamente, mentiva,tradiva..
Tre settimane fa (o forse anche di più), colui che mi trovò tutte le prove per incastrare il mio ex dimostrava in tutti i modi un grande interesse nei miei confronti. Sorprese a casa, quando avevo freddo alle gambe si toglieva i pantaloni per darli a me..Io,però, ero fredda, a volte alternavo dei momenti di affetto.. ma sostanzialmente ero fredda e distaccata. Capitò un pomeriggio che eravamo insieme in camera sua,a provocarci e scherzare. A un certo punto inizio a guardarlo e mi viene voglia di baciarlo,di fare di più. Finimmo a fare l’amore.. ma finito l’atto tornai a rintanarmi nel mio guscio.
Due settimane fa questo ragazzo perse interesse nei miei confronti,decidemmo di rimanere amici. Scrissi su Fb un post dove dicevo: “Questo é dedicato a tutte quelle ragazze che dicono “se non mi trova disponibile al momento,andrà da un’altra”.. me in primis.
Sapete cosa vi dico? Mi ci é voluta una gran delusione e giorni di pensieri prima di giungere a questa conclusione…
“Se lui non ha una risposta subito andrà da un’altra”, bene allora, che ci vada pure! Anzi,sarò la prima a dirglielo!!
Che moda é quella del tutto subito!? Che sono,un cagnolino!?
Se io per te valgo come tutte le altre vattene pure! Io voglio essere la prima scelta,non una delle tante portate del buffet!
Per me uno deve essere disposto a fare 100 ricevendo da parte mia 20 o 30.
Voglio essere quella importante,quella per cui faresti l’impossibile e forse anche di più. Quella a cui devi stare dietro mesi e mesi senza mai avere la certezza che si metterà assieme a te.
Non esistono risposte immediate: sono una persona e non Google.
E se non ti va bene puoi anche andartene affanculo che io da sola sto bene comunque”.
Lui lo lesse,si arrabbiò con me. Mi disse che non fnziona così,che se uno da 100,anche l’altro deve farlo. Gli dissi che non era riferito a lui. Non credo mi abbia creduto.
Una settimana fa nel mio cuore iniziò a nascere un sentimento nei suoi confronti. Lo andai a trovare a lavoro,gli chiesi balbettando se potevo baciarlo e quando lui mi porse la guancia io gli afferrai il viso e lo baciai sulle labbra con tutto il sentimento che avevo in corpo. Lui sembrò felice.
In questi giorni inizia a scrivergli, gli dissi che per lui era nato qualcosa. Lui cambiò argomento. “Ne parleremo un pomeriggio a voce” disse.
Due giorni fa ebbi un crollo psicologico e in preda alle lacrime chiamai a lui. Parlammo fino alle 3 di notte.
Ieri è cambiato tutto. Ieri era freddo e distaccato. Mi ignorava. Gli scrissi dei piccoli messaggi solo la mattina poi lo lasciai stare.
Ieri notte mi chiamò alle 23.50. Mi chiese se ero fuori,io risposi che stavo dormendo. Mi disse che aveva visto due nostri amici al parco. Gli chiesi se voleva dirmi altro e lui disse no. “Buona notte”, lui mi salitò con un ciao.
Oggi gli ho mandato un messaggio dopo pranzo,chiedendo come stava. Mi risposte freddo e distaccato. “Bene te?”. “Un pò cosi”. “come mai?”. “La situazione in generale,non ci capisco un cazzo”. “cioè”. “Ne dobbiamo parlare a voce”. “ahh”. “non voglio metterti pressione,che sia chiaro”. “Se riesco domani ci vediamo”. “basta organizzarsi per tempo,io domani non dovrei avere impegni”. “ok”. Ora attendo le sue mosse. Non lo contatterò più, credo di aver fatto anche troppi passi..
Oggi ho avuto la consapevolezza di star giocando un gioco a somma zero. Potevo giocare meglio il round e invece la confusione mentale ha avuto la meglio. E ora sono così,con gli occhi tristi e lui nella mia testa.
Domani (o quando ci vedremo per parlare) questo sentimento morirà. Mi sto preparando psicologicamente. Forse ho rovinato da sola una cosa che poteva essere bellissima, o forse no.
Ho sbagliato a giocare questa mano e al 90% ho perso (?)

.

Notte agitata, pensieri che mi mangiano.Poi dormi male e ti svegli peggio..
Sono cose che ormai sono successe e non ci puoi fare nulla..
Sai io ho sempre pensato che al mondo ci sono 8 miliardi di solitudini.
Gli esseri umani sono come pianetini. Ognuno di loro vive la sua realtà. È vero,possono toccarsi,comunicare,passare tempo insieme.. ma alla fine queste sono solo distrazioni per non farti sentire solo.
Poi arrivi a casa o arrivano i momenti dove sei solo tu e realizzi questo senso di solitudine… È vero,gli esssri umani possono comunicare,passare tempo insieme,divertirsi e quant’altro.. ma alla fine ognuno vive una sua realtà e ognuno è solo…