Il mio futuro

Ieri notte, parlando col mio ragazzo, è uscita fuori questa sua domanda:
“Ma a te piace programmare?”
Ecco, è una bella domanda.. ed esistono più risposte.
Se la domanda è così generale, la risposta è che mi diverte creare piccole cose. Vedere che da ciò che scrivo nasce un qualcosa che fa esattamente ciò che gli dico di fare. E se c’è un problema, si cerca di scovare la soluzione.
Se,invece,la domanda è se mi piacerebbe programmare come lavoro, beh.. non lo so.
Lo ammetto:non lo so. Non so se sarei capace, non so se sarò abbastanza veloce. Non. Lo. So.
Lui è preoccupato per il mio futuro,preoccupato che non mi piaccia davvero programmare e di conseguenza che non riesca a trovare veramente un lavoro.

index
I miei piani di studio prevedono di finire questa laurea in informatica in tempi accettabili e poi di dare una triennale in filosofia.
Sinceramente: non so se ho fatto la scelta giusta. Non so se era meglio fare lettere.
So solo che devo finire questa laurea.
Anche perchè, se la ricambio per la terza volta, va a finire che non combino niente della mia vita. Non posso permettermelo.

Ho paura per gli esami. Paura che la mia preparazione sia insufficiente. Paura di trovarmi sommersa dagli esami a giugno e luglio. Paura di non farcela.
Ho paura delle mie scelte.
Ma so anche che sono disposta a lottare per superarle.

5-Thoughts-To-Comfort-Us-When-We-Fear-The-Future

Voglio concludere con un altro messaggio suo:
“Sei molto più dolce e affettuosa di me.. io son quasi sempre stanco e svogliato.
È che sono preoccupato tutto il tempo e penso di continuo a come risolvere mille cose.”
Io:”Mi sento inutile a volte, vorrei far qualcosa ma non posso far nulla”
“Puoi starmi vicina che mi mette sempre di buon umore”

 

15 risposte a "Il mio futuro"

      1. L’informatica è il male del mondo. E’ una religione perversa ed autoreferenziale. Abbandonala prima che sia troppo tardi! 🙂 immaginati tra trent’anni a digitare if e write. Lo vuoi veramente? Pensaci! 🙂

        Piace a 1 persona

  1. Non ti crucciare così tanto. La vita prende strade imprevedibili. Io ho studiato cinese, poi mi sono specializzata in studi inglesi, lanciandomi sulla narratologia e le scienze affettive subito dopo, per poi planare alla scoperta della linguistica per intelligenze artificiali, studiare web development mentre mi occupo di traduzioni letterarie, e scivolare infine nel narrative design di videogiochi. È una ruota e una corsa e il futuro e le scelte che si schiuderanno davanti ai tuoi occhi saranno milioni e imprevedibili. Non sprecare questi begli anni preoccupandoti troppo. Vivili intensamente, assorbi tutto ciò che ti possono donare. Sarai sempre in tempo, per volontà o bisogno, a cambiare strada.

    Piace a 1 persona

      1. Ti capisco benissimo, non sai quante lacrime ho versato, appena finita la magistrale, perché non riuscivo a trovare il mio posto nel mondo. L’unica risposta che sono riuscita a darmi, e che mi ha salvata da tanto, nero dolore, è stata: “Continua ad andare avanti.” Semplice, niente di più, niente di meno. Ma in qualche modo mi ha sbloccato, mi ha fatto alzare la testa e guardare il mondo negli occhi, sfrontata e inflessibile. Vai avanti e non aver paura. Ci sarà sempre un modo.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...