Erased, la città in cui io non ci sono

Ai giorni d’oggi, gli anime sono molti diffusi e, spesso, alcuni sono graditi nonostante non siano nulla di speciale (né per il messaggio che potrebbero trasmettere, né in animazione e disegno). Eppure, “Erased”, fa da eccezione!
Oltre a una storyline molto ricca e interessante, ci offre un’animazione e disegno altrettanto gradevoli e ber curati, nonostante alcune scene dove lo spettatore potrebbe rimanere perplesso.

1b5ebe2a3ef25e4fe23d0861cd908c511451466235_full

Titolo: Erased- La città in cui io non ci sono
Numero episodi: 12

trama
Satoru è un 29enne che lavora come fattorino in una pizzeria, mentre il suo sogno di diventare mangaka si fa sempre più lontano. Il nostro protagonista però ha risvegliato un potere piuttosto particolare, chiamato Revival, che gli consente di avere una breve visione precedente alla morte delle persone, come un flashforward, e cerca dove possibile di salvarle.
Il problema nascerà quando sua madre verrà brutalmente uccisa a casa sua e lui, in preda al panico, fuggirà davanti alla polizia appena accorsa, che inesorabilmente lo riterrà l’indiziato principale.
Quando tutto sembrerà perduto, Satoru farà inconsapevolmente uso del suo potere, che questa volta però non si limiterà ad un breve flash, ma verrà letteralmente sbalzato nel passato, nel suo corpo di alunno delle elementari nella sua città d’origine, dove imperversava un serial killer di bambini…

Blog
A seguito di questo accenno di trama è necessario porre un preambolo fondamentale: l’intreccio, si sviluppa su due differenti piani temporali e narrativi, uno dei quali ambientato nell’infanzia del protagonista pochi giorni prima della sparizione della piccola Kayo Hinazuki, la sua compagna di classe, dopo un revival di ben diciannove anni.
“Erased” è sicuramente un prodotto particolare e coinvolgente, che vanta una trama solida e ben congegnata, dei personaggi credibili ed egregiamente caratterizzati, e che è riuscito a distinguersi e a farsi apprezzare. Variegato e originale il design dei personaggi, fluide le animazioni e ben dettagliati i fondali, con una colonna sonora ben strutturata oltre che ben curata, il tutto ornato da un doppiaggio di eccellenza.

6804741

Satoru, ritrovatosi nel corpo di un bambino ma ancora dotato della coscienza di un ventinovenne, si vede calato in un quartiere residenziale che sembra nascondere molte ombre: la sua vicenda in questo primo atto di Erased sarà quindi incentrata sui tentativi di salvataggio della piccola Kayo dalle mire di un oscuro colpevole, tratteggiando la struttura della serie come quella di un thriller macchiato da tinte soprannaturali.
Cosa sono i revival? Perché avvengono? In che modo influenzano le “linee temporali”? Perché solo Satoru ne è toccato? Nell’anime non v’è alcun chiarimento, e non solo in merito all’origine di tali fenomeni – sulla quale avrei anche potuto soprassedere, ma anche sulle meccaniche per mezzo delle quali gli stessi si verificano.. la serie si concluderà senza fornire alcuna spiegazione in merito, richiamando il classico deus ex machina.

Come un vaso di Pandora, la mente del protagonista si apre a nuovi ricordi sulle scomparse tragiche che hanno caratterizzato la propria infanzia, e sui delitti che hanno coinvolto i propri compagni ai tempi delle elementari. Insoluti e mal celati dalla madre, questi lacunosi ricordi hanno creato una sensazione scomoda che angosciosamente riemerge e viene rivissuta dal protagonista di questo racconto, che ha il sapore cupo di un passato che si legge inerpicandosi attraverso un percorso tortuoso di andirivieni, incollando il lettore allo schermo nella volontà di scoprire.

boku-dake-ga-inai-machi-episode-12-15-14_2016-03-24_20-51-48

Se inizialmente ci troviamo circondati da un turbinio di pensieri e ragionamenti, durante il viaggio nel passato Satoru impara la capacità di esprimere le proprie intenzioni. Si apre al mondo e a sensazioni nuove, scoprendo rapporti tutt’altro che di comodo, e pieni di sentimento tanto da riempirlo.

In conclusione, un’opera davvero formidabile, capace dapprima di incuriosire lo spettatore per poi catapultarlo all’interno delle vicende con una gran rapidità.
Un anime che offre spunti di riflessione sulla vita e sul concetto di causa-effetto.

boku-dake-ga-inai-machi-episode-11-10-58_2016-03-17_20-10-31

logo_336e523664aa3ba1f7a09072f5719ea3

 

5 risposte a "Erased, la città in cui io non ci sono"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...