Trigger Warning – Leggere attentamente le avvertenze(RECENSIONE)

Ammiro molto il vario uso della narrazione, diversi racconti sono narrati in modi originali e coinvolgenti, ognuno con stile differente. Alcuni d’essi lasciano l’amaro in bocca,altri uno strano effetto… una delle migliori raccolte di racconti di questo fantastico scrittore e fumettista dark.

Titolo:
Trigger Warning – Leggere attentamente le avvertenze

Autore:
Neil Gaiman

Anno:
2016

tramaTrigger warning è un’espressione che, nel web, segnala la presenza di un contenuto difficile da maneggiare, immagini o concetti che potrebbero turbare i visitatori. Qualcuno vorrebbe mettere un trigger warning anche su opere letterarie e artistiche che potrebbero spaventare o inquietare. Ma le storie, ci suggerisce Neil Gaiman, non avrebbero forse sempre bisogno di questa avvertenza? Attenzione, c’è un grilletto pronto a sparare!

Le storie infatti spesso turbano le nostre certezze, aprono porte che volevamo sigillate, ci tolgono il terreno sotto i piedi e ci scaraventano in luoghi oscuri e poco accoglienti. Il cuore inizia a battere più forte, manca il respiro, il passato ritorna con tutti i suoi mostri chiusi nell’armadio. In questa raccolta di racconti c’è il meglio di Neil Gaiman, e quindi ci sono storie che potrebbero turbarvi. Perché ogni pagina di questo libro è un grilletto e, ogni volta che viene premuto nel buio, noi impariamo qualcosa di noi stessi e delle nostre vite.

22522808

Blog
Premetto che è difficile dare un’opinione unica su una raccolta di racconti, sopratutto quando si tratta di letture così variegate tra loro.
Ho molto apprezzato la sezione dedicata all’origine di ogni racconto: ogni informazione in più sull’idea, su come è nata e in quanto tempo è stata sviluppata, per me aggiunge un valore in più alla storia stessa.

Il suo stile di scrittura è, come al solito, molto pulito e decisamente efficace, ma alcuni racconti risultano pesanti o molto meno avvincenti.
Come in tutti i racconti dello scrittore, sai da dove parti, ma non sai dove arrivi. E anche quando intravedi il traguardo, scopri di esserci arrivato sempre per vie traverse e inaspettate. Molto bello l’esercizio di stile di “Arancione”: la storia prosegue semplicemente sulle risposte date da una ragazza a un interrogatorio.

Col racconto “Le niente in punto” troviamo riferimenti a Doctor Who (e un errore di traduzione leggero, in quanto si riferiscono al Tardis con articolo femminile e non maschile).
Interessanti le storie dove Gaiman rivisita le vecchie fiabe ed è anche stato bello rivedere un vecchio amico: Shadow Moon di American Goods.
Come se non bastasse, ritroviamo un perfetto Sherlock Holmes nel racconto Il Caso della Morte e del Miele, che ci metterà di fronte ai fatti che precedono e seguono la morte di Mycroft, fratello maggiore del noto detective.

Insomma,anche in questo caso Gaiman non si smentisce! È una buona lettura, molto raramente lo stile è scadente e, nel complesso, le storie sono più che godibili.

logo_336e523664aa3ba1f7a09072f5719ea3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...